A febbraio - MAX GRASSI

MAX GRASSI
Sito ufficiale
Max Grassi
Vai ai contenuti
Canzoni




Antonio Righetti: basso
Robby Pellati: batteria
Lorenzo Galletti: tastiere, piano, organo,
percussioni,
“Andy” Fumagalli: sax baritono
Michele Monestiroli: sax tenore
Pepe Ragonese: tromba
Max Grassi: chitarra acustica

A FEBBRAIO


ERA UNA SERA FREDDA DI FEBBRAIO
MILANO GIRAVA SULLA GIOSTRA IN BIANCO E NERO
LUNGO IL NAVIGLIO UN VECCHIO CHIOSCO E UN BENZINAIO
E LE MIE FRASI SOPRA IL TUO SORRISO VERO

E IO PENSAVO PARLANDOTI DI ME
SAREBBE BELLO RACCONTARTI UNA SCIOCCHEZZA
PER FARE RIDERE LA PARTE FRAGILE DI TE
QUELLA LUCE NEGLI OCCHI CHE SA DI TIMIDEZZA

DIETRO A UN BICCHIERE ECCOCI ARRIVATI
TU SENZA TRUCCO, CON UN PASSATO DA SCORDARE
CADEVI IN FIOCCHI DI NEVE SBADATI
COSÌ MINUTI, COSÌ LEGGERI DA AFFERRARE

STAVI SEDUTA A SVELARMI IL TUO MONDO
COSÌ BELLA NELLA TORMENTA DI NEVE
DENTRO DI ME PIOVEVA CHE NON SI VEDEVA IL FONDO
I MIEI OCCHI DICEVANO QUEL CHE NON SI DEVE

Una canzone timida, cantata sottovoce, che raccontata l’inizio di una storia d’amore. Una fotografia in bianco e nero immersa nelle atmosfere della Milano dei Navigli
Management:    Loregalle@yahoo.com
Torna ai contenuti