Giorni e giorni - MAX GRASSI

MAX GRASSI
Sito ufficiale
Max Grassi
Vai ai contenuti
Canzoni




Antonio Righetti: basso
Robby Pellati: batteria
Lorenzo Galletti: piano, organo, chitarra elettrica e acustica
Livio Magnini: seconda voce

GIORNI E GIORNI

 
CI SONO GIORNI CHE MI GUARDO ALLO SPECCHIO
E LA MIA FACCIA NON MI PIACE PER NIENTE
QUELLA DI UNO CHE SI NASCONDE BENE
TRA LE PIEGHE DI UN SORRISO ASSENTE
 
SONO QUEI GIORNI CHE NON HO NESSUNA FRETTA
DI SMANTELLARE LA NOTTE TRASCORSA
STAREI CENT’ANNI SOTTO ALLA COPERTA
DI UNA CUCCETTA DEL TRENO IN CORSA

MI ALZO DAL LETTO E NON HO NIENTE A CUI PENSARE
VADO A DORMIRE CON LA STESSA CONFUSIONE
MI SENTO STANCO DI ME STESSO E DI CERCARE
UN PO’ DI LUCE SOLO DIETRO A QUEL BANCONE

E CORRE LA VITA IO RESTO
IN QUESTA ANONIMA SALA D’ASPETTO
MA NON ESISTE UN VENTO A FAVORE
PER QUELLI CHE NON SANNO VIAGGIARE

CI SONO GIORNI CHE NON HO NIENTE DA DIRE
ALZI LA MANO CHI NON SI È SENTITO PERSO
MI METTO ADDOSSO IL PRIMO STRACCIO PER USCIRE
VADO A CERCARE UN FINALE UN PO’ DIVERSO

E CORRE LA VITA IO RESTO
IN QUESTA ANONIMA SALA D’ASPETTO
CHE NON ESISTE UN VENTO A FAVORE
PER QUELLI CHE NON SANNO VIAGGIARE

E MENTRE CERCO IL SORRISO MIGLIORE
ECCO IL TUO SGUARDO E MI SCOPRO A SOGNARE
CI SONO GIORNI CHE VORREI LOTTARE
CONTRO LA RUOTA CHE MUOVE IL DESTINO
NEI TUOI OCCHI VALE LA PENA DI FUGGIRE
CI INCONTREREMO NELLA LUCE DEL MATTINO?

Non sempre è facile guardarsi dentro e reagire. A volte basta un po’ di coraggio. E uno sguardo
Management:    Loregalle@yahoo.com
Torna ai contenuti